Seleziona una pagina
Trattato del Quirinale 2021

Trattato del Quirinale 2021

da | 26 Nov 2021 | accordi internazionali, Francia, Italia

Trattato del Quirinale 2021

Trattato del Quirinale 2021. Andrea Bonanni scrive oggi (26 novembre 2021) su La Repubblica: "da che mondo e mondo, i trattati internazionali si firmano per tre motivi: per porre fine ad un conflitto, per sancire un'alleanza in vista di potenziali conflitti futuri oppure per garantirsi contro un nemico comune. Il trattato tra l'Italia e Francia, che si firmerà oggi (venerdì 26 novembre 2021) al Quirinale risponde a tutte e tre queste esigenze. E su tutti e tre i fronti si potrebbero avere effetti benefici per i paesi firmatari e per l'Europa come già accaduto con il trattato franco tedesco dell’Eliseo."

Firma del Trattato Italia - Francia al Quirinale

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, e il Presidente della Repubblica Francese, Emmanuel Macron, hanno firmato il “Trattato tra la Repubblica Italiana e la Repubblica Francese per una cooperazione bilaterale rafforzata” al Quirinale, alla presenza del Presidente Mattarella e delle delegazioni italiana e francese. Al termine della cerimonia il Presidente Draghi e il Presidente Macron hanno rilasciato dichiarazioni congiunte alla stampa a Villa Madama.

 

Trattato del Quirinale 2021

 

Trattato del Quirinale 2021scarica il trattato

Trattato del Quirinale 2021vedi anche il trattato dell'Eliseo - Francia e Germania - del 1963

 

Numerosi i temi bilaterali cui fa riferimento il Trattato del Quirinale:

  • politica europea
  • politica internazionale - con un’attenzione particolare al Mediterraneo e all’Africa, fondamentali per posizione geografica e interessi strategici - difesa, sicurezza,
  • economia, industria, spazio,
  • transizione ecologica e digitale,
  • cultura, giovani

Nel concreto, d’ora in poi, Italia e Francia si consulteranno periodicamente - anche prima di ogni Consiglio europeo - per determinare un’agenda comune, e terranno un vertice governativo bilaterale ogni anno, tradizione interrotta prima dalla profonda crisi tra Roma e Parigi ai tempi del Conte 1 e poi dal Covid.

Trattato del Quirinale 2021

Trattato del Quirinale 2021Aggiornamenti
a cura della redazione di Civitas

Quasi tutta la stampa tradizione e quella on line si occupano oggi (26 novembre 2021) dell'argomento. Il Trattato passerà per la ratifica in Parlamento. In caso di Trattati importanti però il governo ne informa preventivamente le Camere, stavolta non è avvenuto e questo ha causato alcuni malumori. Diverso è il caso del Copasir, che per le particolari competenze ed informazioni, è stato necessario ascoltare prima.

Di seguito alcuni dei principali commenti apparsi sulla stampa.


Trattato del Quirinale: un esempio di diplomazia lungimirante

4 gennaio 2022 - HuffPost - Riccardo Alcaro  - Responsabile di ricerca Istituto affari internazionali IAI

Cooperazione rafforzata tra Francia e Italia. Nel volatile mondo delle relazioni internazionali difficilmente esistono polizze assicurative migliori. Il Trattato di Cooperazione Rafforzata tra Francia e Italia, firmato lo scorso 26 novembre e denominato ‘Trattato del Quirinale’ dal luogo in cui è stato firmato, ha giustamente creato interesse in Europa. Il trattato può presiedere a un’espansione e approfondimento della relazione bilaterale, ricalibrare in parte gli equilibri di forza europei, nonché aprire a un’era di maggiore coordinamento italo-francese in sede Ue. Italia e Francia hanno forti legami commerciali, specialmente nei settori automobilistico, farmaceutico, elet.... (continua a leggere)


Trattato Italia-Francia, che significa per l’aerospazio

27 novembre 2021 - Il Sole 24Ore - Gianni Dragoni

C’è un accordo sullo spazio tra Italia e Francia che accompagna il Trattato del Quirinale. Riguarda i lanciatori che portano in orbita i satelliti. È stato firmato venerdì 26 novembre dai ministri Vittorio Colao (Innovazione tecnologica) e Bruno Le Maire (Economia) dopo una notte di messa a punto, al termine di tre mesi di «intensi negoziati», dice un comunicato congiunto. L’intesa, spiega una fonte autorevole, prevede nuovi investimenti dei due Paesi per rafforzare la competitività dei lanciatori Ariane 6 e Vega C, sviluppati il primo da ArianeGroup (azienda controllata da Safran e Airbus) nel Nord della Francia e in Germania, il secondo dall’italiana Avio a Colleferro. Per entrambi il primo volo è previsto l’anno prossimo da Kourou, nella Guyana francese, a marzo il Vega C, a metà 2022 il grande Ariane 6, al quale collabora anche Avio per il 10% del programma. (continua a leggere)


I dossier degli incontri di Macron a Roma: da Tim alla Difesa

25 novembre 2021 - Ansa

Tra i possibili temi anche le banche e il nucleare. C'è il confronto sull'acquisizione di Tim da parte del fondo usa Kkr che scalzerebbe i francesi di Vivendì, ma anche la possibile cessione della Oto Melara ad un consorzio franco-tedesco tra i possibili temi che potrebbero entrare nei colloqui che accompagnano la due giorni del presidente francese Emmanuel Macron in Italia. Ma i fronti economici che uniscono e dividono i due Paesi sono molti. (continua a leggere)


Trattato del Quirinale, ecco il testo e le parole di Draghi e Macron

25 novembre 2021 - formiche.net -  Silvia Bosco

“Da oggi siamo ancora più vicini”, ha dichiarato in conferenza il presidente del Consiglio Mario Draghi dopo aver firmato con il Trattato del Quirinale 2021presidente francese Emmanuel Macron al Quirinale, sotto gli occhi del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il “Trattato fra la Repubblica francese e la Repubblica italiana per una cooperazione bilaterale rafforzata”. È un “momento storico nelle relazioni tra i nostri due Paesi”, ha continuato Draghi sottolineando che “condividiamo molto più dei confini”, gli “stessi valori repubblicani, il rispetto dei diritti umani e l’europeismo”, e ricordando Valeria Solesin, italiana simbolo dei legami tra Italia e Francia, che ha perso la vita nel “vile attentato” di Parigi del 2015. (continua a leggere)


Macron, Draghi e il Trattato del Quirinale: nasce il patto post Merkel

Giiulia Belardelli
 
La firma archivia gli attriti dell'epoca giallo-verde, con promesse di partnership in tanti settori. Il nodo del disequilibrio negli investimenti. L’arrivo del presidente francese Emmanuel Macron a Roma per la firma del laborioso Trattato del Quirinale suggella la luna di miele tra Italia e Francia, dopo un periodo burrascoso nelle relazioni tra i due Paesi che ha conosciuto il suo picco durante il governo M5S-Lega. Ripercorrere le origini e le battute d’arresto del contratto con cui Roma e Parigi promettono di rimanersi fedeli sempre, in una molteplicità di settori, è indicativo delle montagne russe che hanno caratterizzato la politica italiana dal 2017 a oggi. Quanto alla portata del Trattato, basti sapere che per importanza è paragonato a quello dell’Eliseo del 1963, quando Francia e Germania si misero insieme per ricucire un rapporto infranto dopo la Seconda guerra mondiale. (continua a leggere)