Seleziona una pagina
I peccati della carne e la difesa dell’ambiente

I peccati della carne e la difesa dell’ambiente

da | 19 Gen 2022 | allevamenti intensivi, ambiente, mapworld, riscaldamento globale

I peccati della carne e la difesa dell’ambiente

I peccati della carne e la difesa dell’ambiente. Le azioni per frenare il riscaldamento globale coinvolgono le organizzazioni internazionali, gli stati, le istituzioni e le persone. Steve Morgan riflette sulla possibilità di un cambiamento dei paradigmi alimentari, mediante una riduzione dei consumi di carni comprimendo così le emissioni di gas serra che sono prodotti in abbondanza dagli allevamenti. Una battaglia in salita, perché le popolazioni in uscita dalla fame e dalla povertà danno una forte impulso ai consumi di carne.

I peccati della carne e la difesa dell’ambientearticolo tratto da Neodemos

Si stanno moltiplicando gli allarmi in tema di riscaldamento globale. Vari indicatori fanno oramai temere che l’obbiettivo di limitare l’aumento della temperatura del pianeta entro 1,5 gradi centigradi non possa essere raggiunto. Nei giorni scorsi, secondo un rapporto dell’Organizzazione Metereologica Mondiale (Wmo) reso pubblico a fine ottobre, l’emissione di gas serra è ulteriormente aumentata nel 2020, nonostante il rallentamento delle attività industriali e di trasporto.

Gli impegni di molti stati in termini di controllo delle emissioni vengono disattesi; alla COP 26 (Conferenza sul Cambio Climatico) di Glasgow sono rimasti vuoti i seggi di pezzi da novanta come Xi Jinping e Putin, e le prudenti conclusioni stonano con l’urgenza dei problemi. Si moltiplicano inoltre gli eventi metereologici straordinari, e l’opinione pubblica inizia finalmente a percepire l’urgenza di mettere mano a politiche efficaci di controllo delle emissioni.

Molto ci si attende dalla tecnologia, dalla cosiddetta transizione energetica verso fonti rinnovabili, dalla possibilità di “catturare” i gas prima che contribuiscano a rafforzare l’effetto serra, dai mutamenti di comportamenti degli otto miliardi di terrestri, avviati ad essere dieci alla metà del secolo. Il Rapporto finale del VI ciclo di analisi dell’IPCC (International Panel on Climate Change), previsto per il prossimo anno, darà ulteriori certezze circa il procedere del cambiamento climatico, e ridurrà ulteriormente la credibilità dei pretesti avanzati per rallentare le azioni urgenti da intraprendere.

Nell'articolo compaiono alcune mappe tematiche interattive desunte dal portale Our World in Data

che cosa è il portale Our World in Data

I grafici mostrano dati interessanti relativi a diversi paesi del mondo; le modalità di visualizzazione sono tre: CHART, MAP e TABLE.

  • CHART mostra i dati come grafico nel tempo, in questo caso è possibile aggiungere altre nazioni rispetto a quelle mostrate inizialmente; con il comando ±add country  è possibile aggiungere (ma anche togliere)  qualche paese (Italia, Francia e Germania ad esempio).
  • MAP i dati sono mostrati sulla mappa mondiale assegnando ad ogni paese un colore che simboleggia l'intensità della violazione, con un azione di mouse over compaio altri dati relativi al paese specifico
  • TABLE i dati sono visualizzati in tabella (e sono esportabile in formato CSV con il comando download
  • con il tasto  I peccati della carne e la difesa dell’ambienteil grafico (sia CHART che MAP) viene animato( nel tempo)

 

Quanto inquina InternetL'obiettivo è mostrare come il mondo sta cambiando e perché. La pubblicazione è sviluppata all'Università di Oxford ed il suo autore è Max Roser, storico sociale ed economista dello sviluppo. Copre una vasta gamma di argomenti in molte discipline accademiche: le tendenze riguardo a salute, risorse alimentari, crescita e distribuzione della ricchezza, violenza, diritti, guerre, cultura, consumo di energia, istruzione, e cambiamento ambientale. Coprire tutti questi aspetti in una sola risorsa rende possibile capire come le tendenze a lungo termine osservate siano interconnesse.

La ricerca sullo sviluppo globale viene presentata ad un pubblico di curiosi, giornalisti, accademici e persone che devono prendere decisioni strategiche. Gli articoli hanno dei riferimenti incrociati tra di loro far capire cosa provoca le tendenze a lungo termine osservate. Per ogni argomento viene discussa la qualità dei dati e, indicando le fonti al visitatore, il sito agisce come database di database – un meta-database.

OurWorldInData è reso disponibile come bene pubblico:

  • l'intera pubblicazione e disponibile liberamente
  • i dati pubblicati sul sito possono essere scaricati
  • tutte le visualizzazioni create per la pubblicazione web sono rese disponibili con la licenza Creative Commons
    gli strumenti usati per pubblicare OurWorldInData e per creare le visualizzazioni possono essere usati liberamente 

Attualmente, OurWorldInData è interamente finanziato attraverso piccole donazioni individuali dai suoi lettori.

vai al sito di OurWorldInDataQuanto inquina Internet

 

Alimentazione e gas serra, il paradigma ambientalista

Tra i numerosi e complessi argomenti che confluiscono nella “questione ambientale” c’è, naturalmente, l’aspetto comportamentale delle popolazioni, con riferimento ai modi di vita, ai consumi, alla generazione di rifiuti inquinanti, al rispetto dell’ambiente. Mentre si può presumere relativamente agevole l’introduzione e l’accettazione di nuove tecnologie – una volta che queste siano state inventate e sperimentate – non altrettanto può dirsi per il cambiamento dei comportamenti collettivi, spesso profondamente radicati nella società.

Si consideri il cambio dei consumi alimentari che hanno un diretto impatto sul territorio e sull’ambiente, e che generano una quota importante delle emissioni di gas serra responsabili del riscaldamento globale. Il ragionamento è questo: la produzione di carne, particolarmente quella dei ruminanti (bovini in testa) è responsabile della metà delle emissioni di gas metano (una insidiosa componente del totale dei GHG) e di altri gas nell’atmosfera. Una vigorosa transizione alimentare verso diete povere di carni – soprattutto quelle rosse – determinerebbe un abbattimento di questi gas, oltre a notevoli benefici per l’ambiente e per la salute. 

Alcuni dati permettono di articolare il ragionamento sopra delineato. Anzitutto va ricordato che dei 130 milioni di kmq di terre emerse non coperte da ghiacci, il 12% è occupato da terre coltivate e il 37% da pascoli: insomma circa la metà della superficie del pianeta è impegnata da attività il cui fine ultimo è quello di nutrire l’umanità. Se si scompone l’emissione di GHG secondo la fonte, si stima che il 25% deriva dalla produzione di elettricità e di altre fonti di calore; il 21% dall’industria, il 14% dai trasporti, il 24% dall’agricoltura, il 16% ha altre varie origini.

Sono valori basati su complicatissime stime e su dati spesso incerti, ma che consentono di ipotizzare che le emissioni dovute alla necessità di nutrire l’umanità si aggirino attorno a un quarto delle emissioni globali. Una quota importante di questo quarto (più della metà) proviene dai prodotti animali, in primis dalla zootecnia (prevalentemente bovini, ovini e ruminanti in genere) mentre il residuo è dovuto alle colture vegetali. Inoltre la zootecnia è responsabile di circa la metà delle emissioni di metano, dovuta alla fermentazione enterica di miliardi di ruminanti, ed è la principale fonte di protossido di azoto, due gas ad effetto serra molto potenti, in aggiunta a quello predominante dell’anidride carbonica. 

I consumi di carne nel Mondo

Negli ultimi sessant’anni, la produzione di carne si è quintuplicata (Figura 1), da 70 milioni a 350 milioni di tonnellate, mentre la popolazione del mondo si è accresciuta di due volte e mezza, con un conseguente raddoppio del consumo pro-capite. La maggioranza delle popolazioni contadine dell’Italia e del Mediterraneo, come ben si sa, fino ai primi decenni del secolo scorso, mangiavano carne solo nei giorni festivi, come avviene oggi nelle popolazioni più povere dell’Asia e dell’Africa.

C’è stata però, nel corso del tempo, una forte trasformazione nella composizione della produzione; nel 1961 al primo posto erano i bovini (41% della produzione); le carni di maiale venivano al secondo posto (35%) e il pollame al terzo (13%); il residuo (11%) era composto soprattutto da ovini. Nel 2018 è il maiale al primo posto, con percentuale invariata; si è dimezzata la quota dei bovini (21%) e triplicata quella del pollame (37%). Questi valori complessivi celano la varietà dei modelli di produzione nei diversi paesi, come messo in rilievo dalla Figura 2.

figura 1 - produzione mondiale di carne dal 1961 al 2018

tavola 1 - produzione mondiale di carne per paese dal 1961 al 2018

figura 2 - consumi di carne pro capite
Poultry
: pollame/uccelli Beef: manzo Mutton&Goat: montone/capra Pork: maiale Other meats: altre carni Seafood: prodotti del mare

Cambiare i modelli alimentari è possibile, ma lento e difficile 

Il raddoppio dei consumi carnei avvenuto negli ultimi sessant’anni è in stretta relazione con la crescita del reddito pro-capite, come è posto chiaramente in evidenza nella Figura 3. Il paradigma ecologico auspica che la relazione possa, se non rovesciarsi, almeno appiattirsi e che, in futuro, i consumi carnei diminuiscano sulle mense degli abitanti del pianeta.

Questa inversione avrebbe effetti benefici sia per l’ambiente – minori emissioni e minore uso del suolo – sia per la salute, poiché è provato che diete meno ricche di carni (soprattutto quelle rosse) siano più sane, e contrastino molte delle patologie tipiche delle popolazioni o dei gruppi di popolazione più abbienti. Sono numerosi, e sempre più influenti, gruppi di opinione di diversa origine, che propugnano questa inversione. Ma le difficoltà che questa possa avvenire entro un orizzonte finito, sono moltissime.

Contrastano, in primo luogo, preferenze e costumi alimentari profondamente radicati nelle popolazioni che possono cambiare solo con gradualità e lentezza, e sui quali poco possono le politiche dei governi e delle amministrazioni. Inoltre, nella maggioranza delle popolazioni a basso reddito i consumi di carne sono modestissimi, ed un aumento della componente carnea sulle mense produce vantaggi per la salute.

E infatti, come testimoniato dalla Figura 3, le preferenze di consumo a favore della carne si impennano quando le popolazioni si sollevano oltre la soglia della povertà estrema. E la loro spinta sarà assai potente, se si tiene conto che esiste un miliardo di abitanti del pianeta sottoalimentati, che lo sviluppo dovrà sollevare dal miserabile stato di nel quale si trovano. Infine nei paesi grandi produttori di carne, le lobby sono politicamente molto potenti, e in grado di contrastare fortemente le spinte ad una trasformazione “ambientalista” dei modelli nutritivi dell’umanità.  

figura 3 - consumi di carne pro capite vs PIL pro capite
(GDP gross domestic product = PIL)

I peccati della carne e la difesa dell’ambiente

I peccati della carne e la difesa dell’ambienteAggiornamenti
a cura della redazione di Civitas


Smettere di produrre carne salverebbe il pianeta: uno studio

2 febbraio 2022 - AGI 

Un team di ricercatori di Berkeley e Standford ha valutato l'impatto sul clima associato all'eliminazione della produzione di carne. E i risultati sono clamorosi. La sospensione delle attività di produzione della carne, compresa la chiusura degli allevamenti, potrebbe alterare sostanzialmente la traiettoria del riscaldamento globale e potenzialmente potrebbe salvare il pianeta. ....la sospensione delle attività di produzione di carne e il conseguente decremento di emissioni di metano e protossido di azoto porterebbero alla conversione di 800 miliardi di tonnellate di anidride carbonica in foreste, prati, boschi e biomassa. (continua a leggere)