Seleziona una pagina
82 / 100
Foreste ed alberi

Foreste ed alberi

da | 9 Nov 2021 | ambiente, clima, deforestazione, mapworld

Foreste ed alberi. Senza gli alberi la vita sulla Terra sarebbe impossibile. Può sembrare una frase banale ma è la realtà. Le specie vegetali, infatti, forniscono l’ossigeno fondamentale alla nostra esistenza e sono al contempo una parte essenziale della catena alimentare e di sostentamento per le specie del nostro pianeta. Non solo: grazie ai loro processi di respirazione e fotosintesi, gli alberi aiutano a combattere il riscaldamento climatico assorbendo l’anidride carbonica e contribuiscono alla pulizia dell’aria, incamerando inquinanti come ozono, ossidi di nitrogeno e biossidi di zolfo.

Dunque, anche gli alberi respirano come gli uomini e le donne, solo che lo fanno in modo speculare, poiché emettono ossigeno e assorbono CO2.

Tityre, tu patulae recubans sub tegmine fagi
silvestrem tenui Musam meditaris avena;
nos patriae finis et dulcia linquimus arva.
nos patriam fugimus; Virigilio Bucoliche

Foreste ed alberi

Quanti erano gli alberi all’inizio della civiltà umana? Circa 6 trilioni, cioè circa seimila miliardi.

L'estensione e la distribuzione globale degli alberi delle foreste è centrale per la nostra comprensione della biosfera terrestre. Noi forniamo la prima mappa spazialmente continua della densità degli alberi forestali su scala globale. Oggi il numero globale di alberi è di circa 3,04 trilioni, un ordine di grandezza superiore alla stima precedente.

6 trilioni 3 trilioni
inizio civiltà                         oggi

Di questi alberi, circa 1,30 trilioni esistono nelle foreste tropicali e subtropicali (quasi il 45%), con 0,74 trilioni nelle regioni boreali e 0,66 trilioni nelle regioni temperate. Le tendenze a livello biologico nella densità degli alberi dimostrano l'importanza del clima e della topografia nel controllare le densità locali degli alberi su scale più sottili, così come l'effetto schiacciante dell'uomo nella maggior parte del mondo. Sulla base delle proiezioni della densità degli alberi, si stima che oltre 15 miliardi di alberi vengano abbattuti ogni anno, e il numero globale di alberi è diminuito di circa il 46% dall'inizio della civiltà umana.

Foreste ed alberi: le più estese foreste del pianeta

Nel nostro pianeta ci sono diverse tipologie di foreste, come le foreste pluviali, quelle tropicali, quelle di conifere, di mangrovie, ecc. A causa della continua espansione dell'Homo Sapiens, l'esistenza di molte di queste foreste è stata messa gravemente in discussione, destando non poca preoccupazione.

Fortunatamente non tutte le foreste hanno perduto la loro immacolata magnificenza per mano dell'uomo, rimanendo in balia del regolare cambiamento naturale subito dallo scorrere del tempo, molte delle quali sono ancora tutte da scoprire. Di seguito riportiamo la classifica di quelle che oggi sono le 9 foreste più grandi del Mondo (circa 7 milioni di KMq. praticamente quanto l’intera Australia). Riportiamo in fondo alla tabella l'estensione superficiale del nostro paese (Italia), della più estesa regione (Sicilia) e città (Roma), perché forse aiuta a comprendere più in fretta le dimensioni delle foreste della terra: la prima (la foresta amazzonica) è 18 volte l'Italia. 

Foreste ed alberi

per comprendere che cosa significhi un foresta che si estenda per più di 5 milioni di Kmq, di sotto  l'elenco dei paesi che hanno le maggiori estensioni territoriali del pianeta (espresse in milioni di Kmq)

Russia 17.0
Canada 10.0
Cina 9.6
Stati Uniti d'America 9.4
Brasile 8.5
Australia 7.7
India 3.3
Argentina 2.8

Questi dati sono stati desunti da un articolo presente su internet nel portale Travel365 (una grande compagnia di viaggi) e precisamente "Le 9 Foreste più Grandi al Mondo".

 

Le grandi foreste della Russia

L'articolo sembra tuttavia non tener conto . della taiga siberiana. La taiga siberiana orientale è una ecoregione terrestre della ecozona paleartica appartenente al bioma della foresta boreale che si sviluppa per circa 3.899.700 km2 nella Russia asiatica. È inclusa nella lista Global 200 con il nome di Taiga della Siberia orientale . Lo stato di conservazione è considerato relativamente stabile.

Con un quinto del suo territorio ricoperto da foreste, la Russia è il Paese con le foreste più estese del mondo e, dopo la dissoluzione dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS) non ha riportato quasi nessun cambiamento nella sua copertura forestale, mentre i dati satellitari indicano che negli ultimi decenni le foreste russe hanno di fatto registrato un aumento della produttività della vegetazione, della copertura arborea e della biomassa fuori terra. Questo ha portato a incongruenze nei dati disponibili e a un generale declino dell’affidabilità delle informazioni sulle foreste russe dal 1988 in poi, il che può essere attribuito a un gap di informazioni che è iniziato quando la Russia è passata dal sistema di inventario e pianificazione forestale sovietico al suo attuale inventario forestale nazionale (IFN) per la raccolta di informazioni forestali a livello nazionale. (continua su GreenReport)

Foreste ed alberi

Foreste ed alberi: e in Italia?

Le foreste in Italia sono sempre più folte e crescono di anno in anno: secondo il rapporto del Corpo Forestale dello Stato, le foreste coprono circa il 30% del territorio nazionale. Un numero impressionante, in continua crescita. Ma questo sviluppo è da intendersi in positivo?

Se si pensa al numero di alberi, attualmente circa 20 miliardi, sì; purtroppo, però tutto ciò non è frutto di politiche mirate, ma principalmente dell'abbandono dei territori. E questo dato fa pensare. Di seguito la classifica delle 10 foreste più grandi d'Italia.

Come si vede il totale delle foreste italiane, circa  950 Kmq – il 75% dei quali in Sardegna, è di poco superiore alla nona delle grandi foreste della terra (Parco Nazionale di Kinabalu)

Foreste ed alberi

La deforestazione e i suoi effetti sull'accumulo di CO2

La deforestazione è una delle cause principali, assieme ai combustibili fossili, dell'accumulo di CO2 nell'atmosfere del pianeta; di sotto riportiamo alcuni grafici desunti dal portale Our Word in Data (vai al sito).

 

  1. Emissioni annuali di CO₂ derivanti dalla deforestazione per la produzione alimentare
    Questo misura la quantità di emissioni di CO₂ legate alla deforestazione per la produzione di cibo, quindi riflette
    l'impronta di carbonio degli stili di alimentazione di ogni singolo paese. Si basa sulla media annuale nel periodo dal 2010 al 2014.
  2. Alberi pro capite nel pianeta
    Forse qualcuno di noi pensa di vivere in un paese con molti alberi. Non è proprio così; in Italia ci sono circa 140 alberi per abitante, e gli altri paesi dell'Europa Occidentale hanno cifre paragonabili (con il Regno Unito maglia nera - 47 alberi/abitante); nel mondo abbiamo invece il Canada con quasi 9.000 alberi pro capite, la Russia quasi 5.000, la Bolivia più di 5.000 e l'Australia più di 3.000; male Cina e India (102 e 28); guardate il grafico in formato MAP e indagate ogni singolo paese con il mouse over

  3. guarda anche i grafici contenuti nell'articolo Quanto inquina Internet

se non avete mai utilizzato questo tipo di grafici vi consigliamo di aprire e leggere prima il riquadro che cosa è il portale Our World in Data

che cosa è il portale Our World in Data

OurWorldInData è un sito di pubblicazione scientifica appartenente alla categoria della Editoria digitale che presenta ricerche empiriche e dati che mostrano come stanno cambiando le condizioni di vita nel mondo. Questa pubblicazione web sullo sviluppo globale comunica questa conoscenza empirica per mezzo di visualizzazioni di dati interattive (diagrammi e mappe) e presenta le scoperte sullo sviluppo che spiegano cosa provoca i cambiamenti che osserviamo e quali sono le conseguenze di questi cambiamenti.

I grafici mostrano dati interessanti relativi a diversi paesi del mondo; le modalità di visualizzazione sono tre: CHART, MAP e TABLE.

  • CHART mostra i dati come grafico nel tempo, in questo caso è possibile aggiungere altre nazioni rispetto a quelle mostrate inizialmente; con il comando ±add country  è possibile aggiungere (ma anche togliere)  qualche paese (Italia, Francia e Germania ad esempio).
  • MAP i dati sono mostrati sulla mappa mondiale assegnando ad ogni paese un colore che simboleggia l'intensità della violazione, con un azione di mouse over compaio altri dati relativi al paese specifico
  • TABLE i dati sono visualizzati in tabella (e sono esportabile in formato CSV con il comando download
  • con il tasto  Foreste ed alberiil grafico (sia CHART che MAP) viene animato( nel tempo)

 

Quanto inquina InternetL'obiettivo è mostrare come il mondo sta cambiando e perché. La pubblicazione è sviluppata all'Università di Oxford ed il suo autore è Max Roser, storico sociale ed economista dello sviluppo. Copre una vasta gamma di argomenti in molte discipline accademiche: le tendenze riguardo a salute, risorse alimentari, crescita e distribuzione della ricchezza, violenza, diritti, guerre, cultura, consumo di energia, istruzione, e cambiamento ambientale. Coprire tutti questi aspetti in una sola risorsa rende possibile capire come le tendenze a lungo termine osservate siano interconnesse.

La ricerca sullo sviluppo globale viene presentata ad un pubblico di curiosi, giornalisti, accademici e persone che devono prendere decisioni strategiche. Gli articoli hanno dei riferimenti incrociati tra di loro far capire cosa provoca le tendenze a lungo termine osservate. Per ogni argomento viene discussa la qualità dei dati e, indicando le fonti al visitatore, il sito agisce come database di database – un meta-database.

OurWorldInData è reso disponibile come bene pubblico:

  • l'intera pubblicazione e disponibile liberamente
  • i dati pubblicati sul sito possono essere scaricati
  • tutte le visualizzazioni create per la pubblicazione web sono rese disponibili con la licenza Creative Commons
    gli strumenti usati per pubblicare OurWorldInData e per creare le visualizzazioni possono essere usati liberamente 

Attualmente, OurWorldInData è interamente finanziato attraverso piccole donazioni individuali dai suoi lettori.

vai al sito di OurWorldInDataQuanto inquina Internet

 

Foreste ed alberi

Foreste ed alberiAggiornamenti
a cura della redazione di Civitas


Ghana intende piantare oltre 20 milioni di alberi quest'anno

12 giugno 2022 - Ansa
Foreste ed alberiForeste ed alberiIl Ghana punta a piantare oltre 20 milioni di alberi entro l'anno: l'annuncio è stato dato dal Nana Addo Dankwa Akufo-Addo durante un evento sulla riforestazione. Akufo-Addo, piantando un seme di mogano africano, ha invitato tutti i ghanesi a piantare almeno un albero quest'anno per aiutare il paese a raggiungere il suo obiettivo verde e ripristinare la copertura forestale che ha perso. "Il nostro obiettivo è piantare almeno 20 milioni di alberi quest'anno. (continua a leggere)

(*) il Ghana rientra nel novero dei paesi con un basso numero di alberi/pro capite 172 (anno 2014); poco meno della Francia e poco più dell'Italia


 I boschi italiani aumentano, ma ci stiamo mangiando quelli degli altri

3 giugno 2022 - UffPost - Flavia Carlorecchio
La scomparsa di 5 milioni di ettari di foresta nel mondo dipende per il 90% da ciò che ci mettiamo nel piatto. L’Italia ha un problema con la deforestazione. Dai dati diffusi nell’ultimo Inventario nazionale delle foreste e dei serbatoi forestali di carbonio non si direbbe: la copertura arborea del nostro Paese infatti è cresciuta del 20% negli ultimi dieci anni. Ma, a guardare bene, la deforestazione la importiamo. E siamo tra i peggiori in Europa, secondi solo alla Germania. Grazie ai nostri consumi, perlopiù legati a carne, soia, caffè e cacao, facciamo sparire ogni anno 36 mila ettari di boschi di qualcun altro. Si tratta di una tendenza tutta europea. Se le aree boschive dei Paesi comunitari sono protette e addirittura in crescita, l’Europa fa affari con Paesi in cui la perdita di verde sta diventando un problema serio. Con i suoi commerci, l’UE è responsabile del 16% della deforestazione annua globale ed è seconda solo alla Cina.  Per questo motivo nel 2020, oltre un milione di cittadine e cittadini europei hanno firmato la petizione “Together4forests” per chiedere una legge europea anti-deforestazione. Il rapporto tra foreste e agricoltura ... (continua a leggere)


Tren Maya, la ferrovia ad alta velocità che distruggerà ettari di foresta

21 aprile 2022 - Il Sole 24Ore -Claudio Madricardo
SVG, Vettoriale - Messico Politica Mappa Con Capitale Città Del Messico, I  Confini Nazionali, Più Importanti Città, Fiumi E Laghi. Etichettatura  Inglese E Desquamazione.. Image 32371939.Genererà rumore, inquinamento, estrazione massiccia di pietre, nuovi centri abitativi per i lavoratori e infrastrutture turistiche. Con gravi ripercussioni sulla biodiversità. Per il Governo messicano, non è così. Quello del Tren Maya, il progetto di collegare i cinque stati del Chiapas, Tabasco, Campeche, Yucatán e Quintana Roo, è stato fin dall’ inizio il cardine dello sviluppo pensato dal presidente messicano López Obrador per il sud-est del Paese, una scommessa che prevede la costruzione di 1.554 chilometri di strada ferrata con una spesa di diecimila milioni di dollari che attraverserà la foresta maya che fa parte della foresta umida tropicale mesoamericana il cui contributo alla stabilità del clima è fondamentale. La nuova ferrovia ad alta velocità è destinata a distruggere ettari di foresta per consentire al turismo di massa di visitare le diverse attrazioni archeologiche della zona. La mobilitazione degli ambientalisti, i costi proibitivi, i problemi geologici e con le comunità indigene non hanno a suo tempo fermato il governo, che ha deciso di far diventare questa infrastruttura un nuovo simbolo del Paese, della sua efficienza e competenza, grazie a investimenti da tutto il mondo. (continua a leggere)


Dobbiamo piantare 230 milioni di alberi. E siamo in ritardo

24 marzo 2022 - Il Sole 24Ore - Biagio Simonetta 
Il position paper di Asvis, incentrato sul Goal 11 dell’Agenda 2030, fa il punto sulle politiche nazionali e gli indirizzi della Commissione europea. Si chiama “Infrastrutture verdi urbane e periurbane” l’ultimo position paper di Asvis (Alleanza Italiana per lo Svilippo sostenibile). Ed è un documento di indirizzo incentrato sul Goal 11 “Citta e Comunità sostenibili” dell’Agenda 2030, per svelarne opportunità, ma anche ritardi. Un documento che svela, ad esempio, come in Italia ci sia bisogno di piantare circa 230milioni di alberi nei prossimi 8 anni. Un numero molto alto, se si considera che nel PNRR ne sono stati programmati solo 6,6 milioni (anche se entro il 2024 e solo nelle aree urbane e periurbane). «Ogni Stato membro – è scritto nel documento di Asvis - è chiamato a contribuire all’obiettivo europeo dei 3 miliardi di alberi entro il 2030, compresa l’Italia. Lo scorso ... (continua a leggere)


Mappa delle foreste vergini, il 13% è stato perso in 20 anni

18 gennaio 2022 - Huff Post - Enrico Nicosia

Arrestare la deforestazione entro il 2030. Con questo impegno sottoscritto alla Cop 26 di Glasgow si è chiuso il 2021. Che succederà nel 2022? Un punto di riferimento utile lo offre la mappa delle foreste vergini messa a punto da alcuni ricercatori dell’Università del Maryland e dai tecnici della Global Mapping Hub di Greenpeace. La maggior parte delle foreste vergini del pianeta è ospitata da Brasile, Canada, Russia e Repubblica Democratica del Congo: è da qui che bisogna partire per tracciare la rotta necessaria alla salvaguardia degli ecosistemi forestali da cui dipende anche la stabilità del clima. Utilizzando immagini satellitari a media risoluzione, gli esperti forestali sono riusciti a stabilire ... (continua a leggere)


Dare un valore agli alberi in città. Lo studio Bocconi

7 gennaio 2022 - Huff Post - Antonio Cianciullo

Un tetto verde vale dai 16 ai 28 euro al metro quadro l’anno, un frutteto da 11 a 20 euro. Visto che ormai nessuno si stupisce più quando 30 tornado fuori stagione devastano gli Stati Uniti o quando la più grande zona umida del mondo, il Pantanal, brucia per settimane, sta prendendo piede l’idea di mettere in campo una seconda linea di difesa dalla crisi climatica, oltre al rilancio delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica. I tecnici le chiamano Nature Based Solutions. Anzi, per complicarci la vita, di solito utilizzano la sigla, incomprensibile ai comuni mortali: NBS. A questo punto, prima che abbandoniate la lettura dell’articolo, traduco: alberi. Più chiaro, vero? Certo gli alberi non rappresentano tutte le soluzioni di cui si parla, ma rendono l’idea di quello che bisogna fare: utilizzare la ... (continua a leggere)


Amazzonia brasiliana: deforestazione supera il 22% tra agosto 2020 e luglio 2021

19 novembre 2021 - Rai News

L'area deforestata nell'Amazzonia brasiliana ha raggiunto il record rispetto agli ultimi 15 anni dopo un aumento del 22% rispetto all'anno precedente. La deforestazione dell'Amazzonia brasiliana è cresciuta di quasi il 22% tra agosto 2020 e luglio 2021, rispetto al periodo precedente, stabilendo un record negli ultimi 15 anni: il massimo dal 2006. Sono i dati del sistema di monitoraggio della deforestazione Prodes e dell'Istituto Nazionale di Ricerca Spaziale (Inpe) del Brasile. Il disboscamento nella foresta pluviale più grande del mondo è stato in totale di 13.235 km2 nel periodo 2020-2021, il valore più alto dal 2005-2006 (14.286 km2). (continua a leggere)


Amazzonia, in un anno abbattuti alberi per una superficie grande come la Campania

19 novembre 2021 - Il Sole 24Ore - Franco Sarcina

Mai così ampia la deforestazione del polmone verde della Terra negli ultimi 15 anni. E, dai primi dati, la tendenza sembra continuare. Da 15 anni a questa parte, mai la superficie dell’ Amazzonia ha subito una cosi intensa deforestazione come nei 12 mesi da agosto 2020 a luglio 2021: 13.235 chilometri quadrati di foreste sono stai abbattuti, una superficie pari a quella della Campania.Sono dati ufficiali, pubblicati giovedì 18 novembre dall’Istituto nazionale brasiliano per la ricerca spaziale, grazie al sistema di monitoraggio Prodes. Il picco - mai si era avuta tanta superficie deforestata dal 2006 - si scontra con i recenti tentativi del governo Bolsonaro di sostenere la sua credibilità ambientale, dopo aver fatto aperture all’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden e portato ... (continua a leggere)


Ue: dal caffè alla carne, stop all’import di prodotti ricavati dalla deforestazione

17 novembre 2021 - Il Sole 24Ore - Antonio Pollio Salimbeni

Presi di mira soia, carne bovina, olio di palma, legno, cacao e caffè e prodotti derivati come cuoio, cioccolato e mobili. Stretta sull'immissione di prodotti nel mercato Ue per frenare deforestazione e degrado forestale nel mondo. Presi di mira soia, carne bovina, olio di palma, legno, cacao e caffè e prodotti derivati come cuoio, cioccolato e mobili. Questa è la sostanza del regolamento proposto dalla Commissione europea per vincolare le imprese a garantire che solo prodotti che non hanno provocato deforestazione e sono considerati legali secondo le leggi del Paese di origine siano commercializzati nella Ue. Gli operatori dovranno raccogliere le coordinate geografiche del terreno in cui sono state prodotte le merci che immettono sul mercato. (continua a leggere)


Soia, carne, olio di palma: l'Ue vieta i prodotti della deforestazione

17 novembre 2021 - Huffpost - Angela Mauro

La Commissione: se vengono da pratiche non sostenibili, non entrano nel mercato Ue. Ma la gomma è esclusa. Ora parola agli Stati. Secondo le stime della Fao, dal 1990 al 2020 il mondo ha perso 420 milioni di ettari di foresta, un’area più grande dell’Unione Europea. Un dato allarmante che spinge Bruxelles a intervenire, almeno per quel che può fare l’Ue nell’ambito del suo Green Deal. Secondo il pacchetto approvato oggi dalla Commissione Europea - che riguarda anche l’uso del suolo e il traffico dei rifiuti - in futuro non potranno accedere al mercato europeo i prodotti legati a pratiche di deforestazione. Una decisione che, quando diventerà operativa dopo l’adozione da parte degli Stati membri in Consiglio Europeo (non c’è ancora una data certa), potrebbe avere un impatto non indifferente sulle aziende che producono soia, carne bovina, olio di palma, legno, cacao e caffè, o derivati come cuoio, cioc... (continua a leggere)