Seleziona una pagina

la situazione dei rom in Bulgaria e Romania

da | 11 Mar 2020 | rom, Bulgaria, Romania, sinti

la situazione dei rom in Bulgaria e Romania

Perché i rom in Bulgaria e in Romania non escono dalla miseria?

I rom furono detenuti come schiavi in Romania fino alla metà del XIX secolo. Questo trauma non è mai stato affrontato. La situazione economica in Romania e Bulgaria è ancora molto difficile oggi. Ciò significa che i più poveri tra i poveri vivono in condizioni catastrofiche. Che cosa significa vivere in una "economia della povertà"?

Non è vero che il destino dei rom nell'Europa orientale non incontri l’empatia della gente. Il pubblico rumeno, ad esempio, si è commosso fino alle lacrime per la fine di Papan Chilibar, un bellissimo giovane, pieno di così grandi speranze e poi è morto così crudelmente. Era un attore ventenne con il quale, il regista Florin Șerban ha vinto l’"Orso d'argento" al Festival del cinema di Berlino nel 2010 per il film "Eu când vreau să fluier, fluier" ("Se voglio fischiare, allora fischio") dove Papan era protagonista. Il pubblico lo aveva perdonato per essere era stato in prigione per due anni a causa di una rapina. "Papan è speciale, dotato, altezzoso e timido", disse Serban soddisfatto per averne fatto la scoperta: "Ed è pieno di sincerità."

Ma subito dopo la sua comparsa sulla scena a Berlino, il giovane promettente è ripiombato nella sua vita precedente. "Vengo da una classe molto bassa", ha detto Papan in un'intervista. "Lavoro come giornaliero, consegno merci, aiuto nel negozio di fiori. Qualunque cosa anche bassa, io la faccio." 

La triste storia del Papan Chilibar in Romania è stata per lo più letta come un esempio dell'eterno destino dello "zingaro", che, se non nei geni, è profondamente radicato nella cultura e che ne l'educazione, l’assistenza, il sostegno e la massima integrazione sociale possibile riescono a eliminare. È un vecchio topos: anche se i Rom vivono del tutto adattati esteriormente, anche se si sono lasciati alle spalle la miseria dei loro antenati, cercheranno comunque in un angolo di conservare le ataviche caratteristiche - per esempio, anche se ora potrebbero farlo facilmente, non pagano la bolletta dell'elettricità. Questa storia la si può sentire spesso soprattutto in Bulgaria. La storia dell'eterno "Zingaro" svolge due funzioni: solleva la società dalla fatica di aiutare i suoi membri più poveri e libera i poveri di etnia rumena e bulgara dalla paura di cadere nella stessa miseria dei rom. Il messaggio è: questo a me non può succedere, non sono uno zingaro.

 

ciò che è giusto sotto è sbagliato sopra

Si può leggere la storia di Papan Chilibar anche in un modo completamente diverso. Di rado si ha di fronte un talento come quello del giovane attore. Altri, tuttavia, che provengono da simili sofferenze, all'improvviso lasciano il lavoro per giorni perché uno zio ha qualcosa da fare da qualche parte in un'altra città e quindi perdono il posto lavoro faticosamente ottenuto. In realtà è un'esperienza comune: quasi nessuno arriva a realizzare qualcosa, tutti i parenti vogliono farne parte e chi ha cercato di farsi strada viene riportato nel suo ambiente. Ma, ciò che diventa un ostacolo insormontabile al successo individuale, la stretta solidarietà nella famiglia, diventa una virtù vitale quando si cade nella miseria. Questa è stata l'esperienza di vita di Papan Chilibar. Coloro che vivono sull'orlo dell'esistenza dipendono sempre dall'aiuto degli altri; nessuno ce la fa  da solo, anche e soprattutto in caso di necessità. E chiunque abbia una volta accettato l'aiuto non può poi rifiutarlo a un parente bisognoso, al prezzo della sua appartenenza all'ambiente protettivo. Ciò che è giusto da una parte è sbagliato dall'altra.

Il filosofo e studioso della povertà, assimila le persone che sono nate in insediamenti miserabili e i cui bisogni di base rimangono insoddisfatti ai pazienti che soffrono. Entrambi soffrono sempre. Quando viene chiesto ai pazienti sofferenti se non vogliono avere un po’ di sollievo in una o in un’altra parte del corpo, rispondono che desiderano piuttosto un solo giorno senza dolori – e questo per una buona ragione, non perché sono diventati apatici o incoscienti a causa della sofferenza. Karelis propone un esempio un po' curioso ma azzeccato.

Prendiamo una persona che si sveglia ogni mattina con due dolorose punture di vespa e trova sul comodino a giorni alterni due dosi di pomata lenitiva. In base all'economia di coloro che sono benestanti, le persone risparmieranno un po' di pomata ogni giorno in modo da averne una dose anche la mattina successiva. Con una dose però può lenire il dolore solo in una delle due punture. L'altra fa ancora male; il sollievo che prova è inferiore al 50 percento. Ma se prende entrambe le dosi contemporaneamente, ha ridotto del tutto il dolore in almeno uno dei due giorni.

Nella condizione degli abitanti delle baraccopoli, ciò significa semplicemente non è sensato mangiare solo mezzo pasto ogni giorno. Se mangi solo metà pasto, hai sempre fame. D'altra parte, se mangi il tuo pasto completo a giorni alterni, il giorno dopo potresti essere un po 'più affamato che in caso di mezzo pasto e però in generale ti sentirai meglio perché almeno una volta hai avuto la soddisfazione di sfamarti del tutto.

Lavorare di più, senza ottenere più soldi, non porta alla soddisfazione, ma al massimo a un po’ meno insoddisfazione. Se vivi in ​​un ghetto miserabile puoi risparmiare così poco che quello che risparmi non vale le privazioni aggiuntive che comporta. La fatica che devi fare anche per ottenere piccoli miglioramenti è sproporzionata rispetto alla resa. Questa è l'economia della povertà. È logico e cogente, non puoi evitarlo. Tutti gli sforzi educativi saranno vani. L'economia della povertà non ha nulla a che fare con la cultura o i deficit individuali; si applica ai rom dell'Europa sudorientale così come agli abitanti delle baraccopoli di tutto il mondo.

 

la metà sono disoccupati involontari

La stragrande maggioranza dei rom nei paesi dell'UE Bulgaria e Romania, dove costituiscono circa un decimo della popolazione, è povera. Chiunque attraversi questi paesi può percepirlo dal vivo: ovunque ai margini dei villaggi della Transilvania o della Valacchia vedi minuscole capanne, piene di crepe e spesso fatiscenti, in cui le persone vivono letteralmente sull'orlo dell'esistenza.

Mentre la maggior parte dei rom rumeni vive in campagna, i quartieri rom in Bulgaria prevalgono nelle città, non sono sempre in periferia, ma spesso vicino al centro, ma separati dall'ambiente circostante in modo simile a un ghetto. Le statistiche lo dimostrano. Un ampio studio nel 2011 sulla situazione dei rom in Romania ha rivelato che nei due anni precedenti il ​​sondaggio, solo il dieci percento aveva un lavoro continuativo, il sei percento a intermittenza, il 32 percento occasionale e il 52 percento non ne aveva per niente. Il tasso di disoccupazione ufficiale (che non riflette la situazione individuale a causa della diffusa economia sommersa e della disoccupazione non registrata) era del 7,4 per cento della popolazione romena nel 2011 e ben del 48,7 per cento tra i rom rumeni. Dei disoccupati rom, il 56% ha dichiarato di voler lavorare.

La povertà blocca anche l'accesso alla scuola e al medico. In Bulgaria, solo il 46 percento dei rom è coperto da un'assicurazione sanitaria. Dopo una riforma dell'istruzione che ha chiuso le piccole scuole rurali, in Bulgaria il numero di bambini rom senza istruzione scolastica è aumentato. Al contrario, quasi tutti i bambini dei paesi ospitanti vanno a scuola. È vero che tra l'80 e il 90 percento dei bambini rom in entrambi i paesi dell'Europa sud-orientale hanno frequentato la scuola elementare. Ma solo uno su dieci frequenta una scuola secondaria e la percentuale di coloro che arrivano all'università si conta dopo lo zero. Di coloro che non mandano i loro figli a scuola o non li mandano più, circa il 60 percento afferma che è per mancanza di denaro.

Si dice che l'istruzione sia spesso la chiave per risolvere i problemi. Ma le condizioni ci dicono il contrario. Non solo nella valutazione dei rom, ma di fatto in tutti i paesi in transizione, il valore dell'istruzione è diminuito drasticamente da quando si è passati ad un'economia di mercato. Un'intera generazione ha fatto l'esperienza che l'istruzione formale, i titoli di studio e i certificati sono la cosa più importante. I genitori erano ingegneri o insegnanti di russo, potevano disegnare schemi elettrici e interpretare Tolstoj. Una volta perso il lavoro, hanno iniziato a bere o a fare lavori domestici, mentre il vicino completamente privo di istruzione si comperava una Maserati. Se studio duramente, dopo potrò fare una bella vita: il nesso vale ancora in Occidente, ma non più in paesi come Romania e Bulgaria. In caso di disoccupazione elevata, per ogni posto vacante vi sono tanti candidati con le stesse qualificazioni. Non è l'educazione a decidere chi viene assunto, ma la vicinanza sociale o familiare al datore di lavoro, una risorsa di cui raramente i Rom possono disporre.

 

 

 

 

autore
Norbert Mappes-Niediek

 

torna al dossier

questo articolo è tratto dal sito della Bundeszentrale für Politische Bildung, comparso il 24 febbraio 2014: vedi articolo originale


 

Papan Chilibar (film - Se voglio fischiare, allora fischio -)  Dopo esser stato una star del cinema, è tornato a casa con sua moglie, la figlia di tre anni e altre quindici persone che vivevano in uno spazio ristretto, è morto a Bucarest nel giugno del 2011 per leucemia all'età di 23 anni.

la storia sconosciuta della schiavitù in Europa

I rom in Romania, Bulgaria e in tutto il sud-est Europa sono sempre stati poveri e svantaggiati. Tuttavia, la loro storia è diversa da quella dei popoli roma dell'Europa occidentale e centrale. Mentre Sinti, Kalé o Manouche erano stati letteralmente emarginati ed espulsi ripetutamente dalla Germania, dalla Spagna e dalla Francia subito dopo il loro arrivo nel tardo Medioevo, nei latifondi dell'Europa orientale erano di fatto ricercati come manodopera a basso costo. In Ungheria e quindi anche in Transilvania e nell'Impero ottomano, a cui apparteneva anche la Bulgaria, erano servi della gleba.

Nei principati rumeni, rimasero addirittura nello status legale di schiavitù fino al 1855/56. Cioè, proprio come gli schiavi di cotone negli Stati Uniti, si potevano vendere e strappare alle loro famiglie. Come nel sud degli Stati Uniti, in Romania la liberazione degli schiavi non comportava l'assegnazione delle terre, e quindi si è creato un enorme proletariato agricolo impoverito. I rom erano già fuggiti nei paesi vicini dalla Romania nel corso dei secoli di schiavitù; la maggior parte dei Rom dei Balcani di oggi parla un gruppo di dialetti "Vlah" tratti dal romanés, tutti provenienti dalla Romania. Dopo il 1850, l'emigrazione rom dalla Romania aumentò in modo significativo e raggiunse anche la Germania.

Fu solo dopo la seconda guerra mondiale che i regimi comunisti - in Bulgaria ancor più che in Romania – impiegarono i rom nello sviluppo dell'industria. Anche la coercizione ha svolto un suo ruolo: gli autobus passavano nei villaggi, reclutavano i Rom adatti al lavoro e li portavano a fare i lavori di pulizia nelle fabbriche o le mansioni più faticose nelle cooperative di produzione agricola. Per la seconda generazione, tuttavia, l'inclusione nel mondo del lavoro è stata anche un'opportunità di avanzamento; gli strati ristretti dei Rom affermati e ben istruiti, che oggi sono i responsabili sui temi delle minoranze nelle ONG, nelle scuole e nelle università, sono emersi negli anni '70. Quando l'industria è crollata con il passaggio a un'economia di mercato in entrambi i paesi, l'integrazione si è interrotta bruscamente. I lavori più semplici ai quali erano addetti i rom sono stati eliminati per primi, e tra quelli che hanno perso il lavoro, quasi tutti erano rom. Poiché le famiglie rom non avevano proprietà prima della collettivizzazione, furono lasciate a mani vuote anche nella restituzione delle terre che erano state nazionalizzate e non parteciparono all'esodo verso le aree urbane degli anni '90. È così che sono nate e cresciute le aree povere e le baraccopoli, come Stolipinowo nel Plovdiv bulgaro, Faketa a Sofia o Ferentari a Bucarest.

 

minoranza etnica e/o sociale?

Per lungo tempo, gli stati nazionali dell'Europa sud-orientale e anche l'Unione Europea hanno compreso e trattato i Rom come fossero una minoranza nazionale. Il fatto che fossero allo stesso tempo una classe sociale inferiore, la cui miseria era peggiorata e stabilizzata dopo la svolta, è stato a lungo ignorato. Tuttavia, i concetti sviluppati per affrontare il problema delle minoranze etniche non sono adatti nel caso di gruppi socialmente deboli. Le minoranze etniche o nazionali richiedono autonomia e quindi il diritto di regolare in larga parte i loro rapporti reciproci.

Per i gruppi socialmente deboli, invece, il concetto di "autonomia" è solo una parola diversa che significa esclusione; al contrario, questi gruppi richiedono una completa integrazione nella società maggioritaria. Una "società Rom" distinta con uno strato alto, medio e inferiore non esiste in Romania e Bulgaria. La ristretta "élite rom" in entrambi i paesi non è emersa dai processi di selezione all'interno della società dei rom, ma ha riacquistato consapevolezza di un’identità rom solo dopo un ampio processo di assimilazione. L'unica cosa che può davvero aiutare i Rom è una consistente lotta alla povertà, unita a grandi programmi infrastrutturali ad alta intensità di occupazione e a una conseguente azione per combattere la discriminazione etnica o "razziale".

 

 

la situazione dei rom in Bulgaria e Romania

l'unica cosa che può davvero aiutare i Rom è una consistente lotta alla povertà, unita a grandi programmi infrastrutturali ad alta intensità di occupazione e a una conseguente azione per combattere la discriminazione etnica o "razziale".


la situazione dei rom in Bulgaria e Romaniaquesto testo è pubblicato sotto la licenza Creative Commons "CC BY-NC-ND 3.0 DE - Attribuzione - Non commerciale - Nessuna modifica 3.0 Germania