Seleziona una pagina

Consiglio EuropeoConsiglio Europeo

Consiglio Europeo

da | 23 Giu 2020 | istituzioni, Europa, UE | 0 commenti

aggiornato
set 2020

Il Consiglio europeo è composto dai Capi di Stato o di governo degli Stati membri, dal suo Presidente e dal Presidente della Commissione. Partecipa ai lavori anche l'Alto Rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

Il Consiglio europeo si riunisce almeno quattro volte l'anno per delineare le priorità necessarie allo sviluppo dell'Unione e definirne gli orientamenti politici generali, senza partecipare alla funzione legislativa. Si occupa inoltre di determinare la politica estera e di sicurezza dell'UE e di nominare ed eleggere i candidati per ruoli di alto profilo nelle istituzioni dell'Unione.

Il Presidente è eletto dai membri del Consiglio europeo per un mandato di due anni e mezzo, rinnovabile una volta sola. Esso presiede le riunioni, garantisce la continuità dei lavori e rappresenta al massimo livello l'UE sulla scena internazionale. Non ha la possibilità di esercitare un mandato nazionale.


L'attuale presidente del Consiglio europeo è il belga Charles Michel, che ha iniziato il primo mandato il 1 dicembre 2019. 

vedi i membri attuali (2020)
(se vuoi guarda le foto in fondo all'articolo

Sito Web
il Consiglio Europeo

vedi su GMaps

 

non va confuso con

il Consiglio dell'Unione Europea - voce dei governi dei paesi dell’UE, adotta gli atti normativi dell’UE e ne coordina le politiche

non va nemmeno confuso con

il Consiglio d’Europa (Strasburgo); non è un'istituzione dell'UE. Ne fanno parte 47 paesi: i 27 della UE più altri 20 (click sulla figura per vederli)

Consiglio Europeovai al sito ufficiale 
vedi su GMaps

Aggiornamenti
a cura della Redazione Civitas


Mario Draghi è un economista, accademico, banchiere, dirigente pubblico e politico italiano, dal 13 febbraio 2021 Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana. Draghi succede a Giuseppe Conte


Alexander De Croo è il nuovo premier del Belgio. Sedici mesi dopo le elezioni la coalizione Vivaldi, composta da setti partiti, ha raggiunto un'intesa sul nome del liberale fiammingo, relegando così all'opposizione i nazionalisti, partito di maggioranza nelle Fiandre. La conclusione positiva dei negoziati mette fine a una crisi politica di 493 giorni, cominciata dopo le elezioni parlamentari del 26 maggio 2019 che avevano ulteriormente frammentato il panorama politico del Paese, rendendo difficile la formazione di una maggioranza intorno ai partiti tradizionali, usciti indeboliti dal voto. De Croo subentra a Sophie Wilmès.

Consiglio Europeo