Seleziona una pagina
COP26 Glasgow 2021

COP26 Glasgow 2021

da | 2 Ott 2021 | accordi internazionali, ambiente, clima | 0 commenti

COP26 Glasgow 2021

COP26 Glasgow 2021. A novembre il Regno Unito, insieme all’Italia, ospiterà un evento che molti ritengono essere la migliore, nonché ultima, opportunità del mondo per tenere sotto controllo le conseguenze devastanti dei cambiamenti climatici.
(tratto dal sito ufficiale della COP 26)

 

La COP26 è la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021

Da quasi tre decenni l’ONU riunisce quasi tutti i Paesi della terra per i vertici globali sul clima – chiamati COP – ovvero ” Conferenza delle Parti”. Da allora il cambiamento climatico è passato dall’essere una questione marginale a diventare una priorità globale.

Quest’anno si terrà il 26eismo vertice annuale, di qui il nome COP26. La COP26 sarà presieduta dal Regno Unito che la opiterà a Glasgow. In vista della COP26 il Regno Unito sta lavorando con ciascun Paese per raggiungere un accordo su come affrontare i cambiamenti climatici. I leader mondiali attesi in Scozia saranno più di 190. Ad essi si uniranno decine di migliaia di negoziatori, rappresentanti di governo, imprese e cittadini per dodici giorni di negoziati.

Presiedere la COP26 sarà un compito impegnativo, perché questo non sarà un qualsiasi vertice internazionale. La maggior parte degli esperti è concorde nel sottolineare il carattere straordinario e urgente della COP26. Per capire perché, è necessario guardare indietro a un’altra COP.

COP26 Glasgow 2021

L’importanza dell’Accordo di Parigi

La COP21 si tenne a Parigi nel 2015

Per la prima volta successe qualcosa di epocale: tutti i Paesi accettarono di collaborare per limitare l’aumento della temperatura globale ben al di sotto dei 2 gradi, puntando a limitarlo a 1,5 gradi. Inoltre i Paesi s’impegnarono ad adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici e a mobilitare i fondi necessari per raggiungere questi obiettivi. 

Ecco che nasceva l’Accordo di Parigi. L’impegno di puntare a limitare l’aumento delle temperature a 1,5 gradi è importante perché ogni decimale di grado di riscaldamento causerà la perdita di molte altre vite umane e altri danni ai nostri mezzi di sussistenza.

Nel quadro dell’Accordo di Parigi ciascun Paese si è impegnato a creare un piano nazionale indicante la misura della riduzione delle proprie emissioni, detto Nationally Determined Contribution (NDC) o “contributo determinato a livello nazionale”.  I Paesi concordarono che ogni cinque anni avrebbero presentato un piano aggiornato che rifletteva la loro massima ambizione possibile in quel momento.

Glasgow sarà il momento in cui i Paesi aggiorneranno i propri piani

I Paesi si presenteranno al vertice di Glasgow (ritardato di un anno a causa della pandemia) con piani aggiornati di riduzione delle proprie emissioni.  Ma non è tutto. Gli impegni presi a Parigi non sono neanche lontanamente sufficienti per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi, e la finestra utile per il raggiungimento di questo obiettivo si sta chiudendo. 

Il decennio fino al 2030 sarà cruciale.  Quindi per quanto il vertice di Parigi sia stato un evento epocale, i Paesi dovranno spingersi ben oltre quanto fatto in quello storico vertice per mantenere viva la speranza di contenere l’aumento della temperatura a 1,5. La COP26 deve essere decisiva. 

contenere l’aumento
della temperatura del pianeta
1,5 gradi

Cosa dobbiamo ottenere con la COP26? quali sono gli obiettivi

limitare l’aumento delle temperature del pianeta a 1,5°C

adattarsi per la salvaguardia delle comunità e degli habitat naturali

mobilitare i finanziamenti: almeno 100 miliardi di dollari l’anno

collaborare: lavorando tutti assieme potremo affrontare le sfide della crisi climatica

Il Regno Unito assumerà la Presidenza della COP26 in partenariato con l’Italia.

Il Regno Unito e l’Italia hanno assunto l’impegno di mettere il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità al centro dell’agenda multilaterale nel 2021, anche attraverso le presidenze di G7G20 e COP26.

Nel contesto di questo anno di presidenze britanniche e italiane, i nostri Paesi concordano sulla necessità di ricostruire società migliori dalle macerie del COVID-19. Per questo lavoreremo assieme ai nostri partner internazionali e attraverso le nostre Presidenze sosterremo una ripresa verde e resiliente a favore di una crescita sostenibile e dell’occupazione, e che tuteli le comunità più vulnerabili agli impatti dei cambiamenti climatici. 

Chiediamo a tutti i Paesi di presentare dei contributi determinati a livello nazionale che siano ambiziosi e di definire le proprie strategie di  lungo termine per azzerare le emissioni nette con largo anticipo rispetto alla COP26. Sfrutteremo le nostre Presidenze del G7 e del G20 per portare avanti le campagne della COP26 e contribuire a creare lo slancio per la migliore riuscita della COP26.

vedi anche la Pre-COP26 di Milano

COP26 Glasgow 2021